Quando a Olivone si andava ancora in “Berlina”

 In Articoli

Quando nel 1874 arrivò a Biasca il primo treno della Gotthard Bahn alla stazione erano già pronte le carrozze (omnibus) che dovevano collegare Biasca con la Valle Leventina e la Valle di Blenio.

Nel 1911 questo servizio fu sostituito dalla ferrovia a scartamento ridotto Biasca-Stazione-Acquarossa. Da Acquarossa a Olivone poi, l’automobile postale prese il posto dell’Omnibus a 7 posti tirato da tre cavalli, della slitta tipo <berlina> a quattro posti tirata da due cavalli e dalle slitte non coperte a un cavallo per 6 passeggeri.

Oliveto Rodoni, nell’articolo  “C’era una volta il tram”, descrive la vita quotidiana e gli incontri che avvenivano durante il tragitto da Biasca ad Acquarossa e li accompagna con bellissime foto d’epoca.

Caterina Magginetti, nell’articolo “La diligenza e il postiglione” descrive dettagliatamente il funzionamento della diligenza ed il lavoro degli ultimi due postiglioni uno dei quali, Martino Andreoli, aveva sposato una biaschese, tale Carolina Magginetti.

Luciana Dürig-Sala, maggio 2017

ANTEPRIMA

INFO

Tema: Trasporti


Periodo: 1850-1900


Data: settembre 1995


Comune: Biasca


Media: Il Biaschese


Autore articolo: Oliveto Rodoni


Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto