Gli eredi della grande Armée

 In Angolo dei video autori, Cine Amatori Ceresio, Filmati

Da oltre 2 secoli, gli abitanti di Ponto Valentino, tengono fede al voto fatto dai loro antenati, durante la sanguinosa battaglia della Beresina. Indossando le “vecchie” divise, montano di guardia, e sfilano per le vie del paese, accompagnando la statua della loro patrona, per onorare la grazia ricevuta.

Gli eredi della "Grande Armée". Sfilata delle Milizie Storiche Bleniesi

parte 1
parte 2

Parte seconda

SFILATA DELLE MILIZIE STORICHE BLENNIESI A BELLINZONA

16 settembre 2012. Per la prima volta, le Milizie Storiche della Val di Blenio: Milizia Aquilese della Madonna, Milizia Storica di Leontica e Tradizionale Milizia di Ponto Valentino sfilano assieme, a Bellinzona, per ricordare i 200 anni della loro fondazione.

parte 3

Parte terza

I 200 ANNI DELLA BATTAGLIA DELLA BERESINA

Il 28 novembre 2012 le tre Milizie Storiche della Val di Blenio: (Canton Ticino, Svizzera):
Milizia Aquilese della Madonna, Milizia Storica di Leontica, Tradizionale Milizia di Ponto Valentino commemorano a Lottigna e a Olivone i 200 anni della battaglia della Beresina (Bielorussia) avvenuta il 28 novembre del 1812.
La battaglia fu combattuta presso il fiume Beresina, tra la Grande Armata di Napoleone e l’esercito dell’Impero russo tra il 26 e il 29 novembre 1812, durante la campagna di Russia.
L’esercito francese, in parte accerchiato, dovette ripiegare dai territori russi, invasi alcuni mesi prima.
Al secondo corpo d’armata costituito da svizzeri che attraversò il fiume e prese posizione sulla sponda destra per tenere distanziati i Russi che tentavano di impedire il passaggio, è riconosciuto il merito di aver contribuito al salvataggio di gran parte dell’armata superstite.

Anteprima

Info

Tema: Ricorrenze
Periodo: 1800-1850
Data: 16.09.2012
Comune: Val di Blenio

ik_volonterio

Video-autore: Gianni Volonterio

Gianni Volonterio vive a Cernobbio.

Video-autore, a livello amatoriale, appassionato di natura e feste tradizionali, socio del club CIAC di Lugano (www.ciac.ch).

“Per me è un divertimento, un modo per staccare un po’ dalla routine, entrare in contatto con la natura, cercare di cogliere qualcosa che a molti sfugge.
Anche i bipedi mi interessano, mi stimolano le loro antiche conoscenze, i loro ancestrali riti. Purtroppo sono nascosti in luoghi quasi sconosciuti e stanno scomparendo.
Io, in punta di piedi, cerco queste realtà.”

(www.vimeo.com/vologi)

Recommended Posts

Rilascia un commento

Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Not readable? Change text.

Digitare e premere Invio per la ricerca