Ricordi di ceramica

Articolo uscito il 26 febbraio 2016 sul periodico Rivista di Lugano

 MENTRE ANTONELLA CI RACCONTA DI QUANDO, TRENT’ANNI FA, RINUNCIÒ AL POSTO FISSO COME IMPIEGATA DI BANCA PER SEGUIRE LA SUA PASSIONE, SPALANCANDO COSÌ LE PORTE DI UN MONDO DEL TUTTO NUOVO E SCONOSCIUTO, IMMAGINIAMO UNA GIOVANE DONNA STRAVOLTA DA UN’INTENSA GIORNATA IN UFFICIO CHE, DOPO UN PASTO CALDO, SI DIRIGE VERSO QUELL’UNICA STANZA ILLUMINATA IMPROVVISATA COME ATELIER RUDIMENTALE. DOPO QUALCHE ORA DI SPENSIERATA CREATIVITÀ, ANCHE SE SEMBRANO ESSERE TRASCORSI SOLTANTO POCHI MINUTI, ANTONELLA SI INFILA SOTTO LE COPERTE SORRIDENTE E SPERANZOSA, CON UN SOGNO SOLTANTO: DIVENTARE CERAMISTA. ANCHE SE UN PO’ ROMANZATO, PIÙ O MENO È STATO QUESTO L’APPRODO NELL’UNIVERSO DELLA CERAMICA DI ANTONELLA TOMAINO, NATA A SORENGO NEL 1964. DEDICARE ANIMA E CORPO A UNA PASSIONE COSÌ IMPEGNATIVA LAVORANDO A TEMPO PIENO, PERÒ, ERA PRATICAMENTE IMPOSSIBILE; COSÌ ANTONELLA DECIDE DI LASCIARE LA SCRIVANIA E INIZIARE UN APPRENDISTATO.

Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto