Lavertezzo Valle: Un salto nel tempo dal Ponte dei Salti

 In Articoli

Un articolo di Maurizia Campo-Salvi apparso nella Rivista di Locarno - marzo 2015.

Il Ponte dei Salti a Lavertezzo Valle: doppia arcata a dorso d’asino, in pietra. La descrizione, nell’arida terminologia tecnica, è bastevole. Ma il ponte in questione è molto di più. Difficile trovare parole per sintetizzare la bellezza. Bello è. E basta. Sui ponti, poi, non scomodiamo la simbologia: non ne usciremmo più. Lasciamo stare la storia: ne riferiamo brevemente a parte. Non azzardiamo (non siamo competenti per farlo) considerazioni di carattere architettonico e tecnico. Asteniamoci dai paragoni con altri impalcati famosi. Non stendiamo classifiche.

Restiamo in silenzio. Assaporiamo l’aria, l’odore dell’acqua, tendiamo l’orecchio al sospiro del tempo. Sospesi, anche noi a grande altezza, come le due arcate del ponte assicurate alla viva roccia, sopra le verdeggianti vasche del fiume. Un ponte, due luci e tantissimi sguardi su uno spettacolo grandioso immortalato milioni di volte e conservato, ne siamo quasi certi, nelle case di mezzo mondo. Immaginiamo lo stupore (magari anche l’emozione e l’aspettativa) di chi, per la prima volta, s’incammina sul selciato del piano viabile. Si siede sui parapetti. (…)

Dalle cronache Dieci agosto 1951.

Maltempo in Valle Verzasca. «Dopo la ‘furia bianca’, la furia delle acque! E di nuovo danni: gravi danni per i privati e ancor più gravi per le comunicazioni.

Cominciamo con la strada. Sopra Lavertezzo un cedimento dei muri di sostegno e di controriva ne ha provocato il crollo completo per un centinaio di metri. Più oltre sono cadute due frane, con ingenti quantitativi di roccia e di terra sparsi su complessivi 400 metri.

E poi, dove sono cadute le frane, c’è il campo stradale assolutamente impraticabile per altre centinaia di metri, con sassi, terra e tronchi d’albero. Pure diversi ponti di collegamento delle due rive della Verzasca sono stati travolti, tra cui uno a Lavertezzo, ad arco, resistente da secoli».

In effetti l’arcata in pietra del ponte resistette anche alla buzza del 1951. A cedere fu il ponticello in ferro che aveva sostituito quello in legno costruito dopo la disastrosa alluvione del 1868 che aveva asportato l’arco destro.

Dalla relazione tecnica elaborata dall’ing. Rodolfo Andreotti risulta che nell’Ottocento, a causa del logorio delle acque della Verzasca in piena, l’arcata in pietra venne asportata a seguito del fatto che l’imposta fosse appoggiata su di una roccia fessurata e marcia in superficie.

Il ponticello provvisorio, dapprima in legno e poi in ferro gettato sul fiume per garantire l’accesso alla sponda destra della valle, rovinò a valle nel 1951 perché costruito ad un’altezza insufficiente e su di una pila provvisoria debole.

Subito dopo la buzza il transito delle persone e degli animali, da una sponda all’altra, fu temporaneamente assicurato da una passerella in legno.

«La ricostruzione del manufatto (NdR. in pietra) – annotò l’ing. Andreotti nel 1956 nella sua relazione tecnica all’indirizzo delle autorità cantonali e comunali – è indispensabile perché non esiste un altro raccordo colla sponda destra del fiume, ove vi sono fabbricati e terreni».

I lavori di ricostruzione vennero eseguiti nel 1960/61. Da allora, grazie alle importanti ricadute turistiche, il ponte dei Salti di Lavertezzo Valle è diventato una star internazionale che regge il confronto con numerosi confratelli sparsi per il mondo.

ANTEPRIMA

INFO

Tema: Territorio


Periodo: 1950-2000


Data: 2015/03


Comune: Lavertezzo


Media: Rivista di Locarno


Autore articolo: Campo-Salvi Maurizia


Data pubblicazione: 2015/03


Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto