Olio di noci e carta

 In Articoli

Articolo uscito nel novembre 2018 sul periodico TeneroinContra

Il nostro Comune custodisce due frantoi. Uno è situato a Contra, a lato della piazza, e l’altro a Tenero, nei pressi del terreno su cui sorgeva la Cartiera. Il primo risale al 1653, il secondo al 1926. Entrambi sono costituiti da una o due macine (molazze) rotative situate all’interno di una vasca. Pur sfruttando lo stesso principio meccanico (frantumazione attraverso la pressione esercitata dalle molazze) erano destinati a scopi molto diversi.

IL FRANTOIO DI CONTRA

Il frantoio di Contra è in pietra ed è composto da una vasca e da una macina. Al centro vi era un perno di legno attorno al quale ruotava la macina. Il manufatto presenta diverse incisioni. Sulla vasca si leggono «1653», probabile anno di costruzione, e la scritta «TRASP 1870», che suggerisce un’ubicazione originaria diversa (trasportato nel 1870?). La macina porta invece la scritta «IL[?] C[ristofo] Ro FV AdAMI FeC[i]T I[n] A[nno]1, con un chiaro riferimento alla famiglia D’Adami, patrizia di Contra. Fino alla fine del secolo scorso era ubicato nello scantinato del Palazzo comunale.

IL FRANTOIO DI TENERO

Di tutt’altra fattura e destinazione è invece il frantoio di Tenero. Questo macchinario, composto da una vasca di ferro e due macine di pietra, era azionato da un motore elettrico. In rilievo porta la scritta «J.M. VOITH HEIDEN- HEIM 1926 No 299», il nome della ditta produttrice tedesca tuttora attiva nel settore delle macchine. (…)

ANTEPRIMA

Il frantoio per noci e carta

INFO

Tema: Industria agraria


Periodo: 1650-1700


Data: 2018/11


Comune: Tenero-Contra


Media: TeneroinContra


Autore articolo: Canevascini Mario


Data pubblicazione: 2018/11


Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto