Intervista a Spartaco Rossi

 In Biasca, Filmati

Spartaco Rossi è nato nel 1931 in una famiglia di tradizione atea e anticlericale, cosa non infrequente a Biasca. Per questo motivo non ha frequentato l’asilo, dato che a quei tempi era un’istituzione cattolica.

Dopo le elementari ed il ginnasio segue un apprendistato di elettricista e fino alla pensione praticherà questo mestiere. Già durante l’infanzia, Spartaco aveva mostrato a scuola un certo interesse per la lingua italiana e, benché modesta, una propensione al gusto letterario. Il suo spirito era fantasioso e poco incline alla rigidità matematica e scientifica.

Finita la scuola il giovane Spartaco proseguì la propria strada di dilettante delle lettere e quando nel 1975 venne pubblicato il glossario di Caterina Magginetti e Ottavio Lurati gli si presenta l’opportunità di approfondire e trovare motti e sentenze dialettali del territorio del comune che il tempo ed il lento abbandono delle valli stavano cancellando progressivamente.

Nell’agosto del 2012 è stato oggetto di un lavoro di Master presentato alla Facoltà di lettere dell’Università di Friborgo da Pascal Mettaz, figlio di una biaschese sposata a Fully (VS), dal titolo “Spartaco Rossi, i besc’c e altre poesie aggiunte”.

Dice Mettaz

“Sapevo di gente che scriveva poesie, conoscevo i lessici dialettali biaschesi, allestiti tempo addietro; ma non sospettavo che, introdotto in quel mondo dal gentilissimo professor Pedrojetta, avrei potuto scavare in tante direzioni gratificanti l’universo legato alla storia di Biasca e, in specie, alla Val Pontirone.”…..

La vocazione di scrittore si concretizza all’età del pensionamento seguendo la Domenica Popolare condotta da Antonio Pelli. La nascita del racconto “Ra prima neü” dà avvio a una lunga collaborazione con detta trasmissione e si dedica alla stesura di testi in prosa e versi dialettali che pubblica su “Il Biaschese” e “Tre Valli”.

Spartaco è anche la memoria storica dell’ Utoe di Biasca, delle vicissitudini della Capanna di Cava, della Capanna Pian d’Alpe, dei corsi di alpinismo per giovani e, assieme al compianto Dario Vanina fu fondatore della Colonna di soccorso. E’ stato molto attivo anche nello Sci Club di BIasca dove partecipava alle uscite quale monitore dei giovani che volevano imparare a sciare.

Rä prima neü – 6′ min

Ol Refüdò  dr’ infärn – 6′ min

Le poesie

INFO

Data: 2018


Comune: Biasca


Introduzione

Intervistato: Spartaco Rossi

Autore intervista: Luciana Dürig

Riprese e Montaggio: Aurelio Castagnoli


Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto