La Cappella della Prella

 In Articoli, Terra Ticinese

Estratto

Transitando dalla Prella (frazione di Genestrerio, ora quartiere di Mendrisio), oltre ad una scuderia, una nuova, bella e attrezzata cantina ed una ditta che rivende ricambi d’auto, troviamo una cappelletta. Incuriosito, ho cercato di ricostruirne la storia.

Per farlo mi sono avvalso delle memorie di chi la costruì: Ambrogio Conconi. Questi narra, in un suo scritto, che, nel 1924, quando si trovava in servizio, come ortolano presso il collegio Don Bosco a Maroggia, gli capitò di vedere una statua malconcia di Maria Ausiliatrice (al Bambin Gesù mancavano la mano sinistra e due dita della destra; alla Madonna il pollice destro). Gli prese il desiderio d’aver cura di quella Madonnina.

Ottenuto il permesso del direttore e dell’amministratore, se la portò a casa, alla Prella di Genestrerio. Alcune donne della frazione, saputo che in casa Conconi
c’era una bella Madonna, chiesero prima di poterla vedere, poi di portarla
in Chiesa. Ad Ambrogio balenò così l’idea di costruire una cappella dove sistemare la Madonna e poterla pregare liberamente.

L’11 novembre, giorno della festa di S. Martino, il Conconi, trovandosi a Rovio
dalle sorelle Bagutti, sue padrone di casa, per sistemare i conti, chiese loro un pezzo di terreno dove erigere la cappella. Le proprietarie gli assegnarono circa 160 metri quadrati, alla Prella, vicino alla sua abitazione…

Anteprima

Media: Terra Ticinese
Autore: Guido Codoni
Tema: Territorio
Comune: Mendrisio
Periodo: 1925-1950
Data uscita: Aprile 2016

INFO

Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto