Sophia – Film realizzato dalla Scuola Media di Acquarossa

 In Contenuti in evidenza, Filmati, Sulle scuole

Giallo-Horror realizzato dalla Scuola Media di Acquarossa, classe 4C

Ispirato al libro di Giuseppe Zoppi, ”Leggende del Ticino”, durante l’anno scolastico 2012, la classe IV C della Scuola Media di Acquarossa, realizza, in collaborazione con l’insegnante di latino, Teresa La Scala, un film giallo-horror.

Una biblioteca, una teenager, un misterioso libro che sembra prendere vita man mano che la protagonista ne legge le leggende. Il destino di tanti ragazzi pare tracciato…
Morti apparentemente inspiegabili si intrecciano con le pagine del libro, ma Sophia, troppo presa dalle affascinanti storie, non riesce a smettere di leggere… Finché le coincidenze diventano troppe e la ragazza capisce di aver innescato una reazione irreversibile, che le strappa amici, famigliari e conoscenti.

IL PROGETTO - suggerimento per docenti e allievi, che intendono intraprendere la realizzazione di un film.

Titolo: ‘Sophia’

Partendo dal percorso antologico sul genere ‘giallo-horror’, condotto fin dall’inizio dell’anno con la classe IV C della Scuola Media di Acquarossa, il progetto si presenta come la tappa conclusiva, che vedrà la ‘trasformazione’ degli allievi da lettori a sceneggiatori e attori. Dopo la stesura e il trattamento del soggetto, infatti, ci sarà la trasposizione cinematografica, con la realizzazione di un cortometraggio in dvd. Le riprese avverranno a scuola e nel comprensorio della Valle di Blenio, con tecniche prettamente cinematografiche, a cui si assocerà il recupero della memoria storica locale: a dominare la trama, infatti, saranno fiabe e leggende di questo territorio.

Durata delle riprese: 15 giorni circa

Luoghi di realizzazione: Scuola Media di Acquarossa, Leontica, Castello di Serravalle, Chiesa di San Carlo Negrentino e comprensorio di Acquarossa.

Cosa si intende realizzare e perché: Ogni territorio, a saperlo ascoltare, è scrigno di storie che si raccontano in ogni tempo: le fate dei fiumi, la strega di Pollegio, la cröiscia, il barbiere di Biasca sono soltanto alcune delle figure fiabesche che popolavano i racconti di nonni e bisnonni, unico trastullo di bambini e ragazzi nelle lunghe e gelide sere invernali. Oggi, nell’era della televisione e di internet, c’è il rischio che queste storie svaniscano nell’oblio, privando le nuove generazioni di una parte fondamentale della propria identità…

Per questo abbiamo voluto legare il nostro progetto al vissuto della Valle del Sole, attingendo a piene mani al tesoretto dell’immaginario che connota questa parte del Ticino: leggende e fiabe popolari, nate nella notte dei tempi, sono tornate a stupire e a ‘spaventare’ i ragazzi del XXI secolo.

E a raccontarle saranno quegli stessi ragazzi.

La trama del cortometraggio prende le mosse dal ritrovamento, da parte di un’allieva, di un vecchio libro di leggende: la ragazza si lascia catturare dalla lettura, e non si accorge che, andando avanti a leggere, da quelle pagine fuoriesce un alone di mistero e sventura che ammanta il suo mondo. L’amore per la lettura a cui allude il nome della protagonista è, dunque, più forte della paura? La possibilità offerta dai libri di esplorare altre realtà cattura fino al punto di ignorare le conseguenze nefaste che si riversano su chi ci sta accanto?

Una piccola storia levigata nel corso di questi mesi scolastici attraverso laboratori di scrittura creativa e lezioni frontali, analisi di trame e visioni di film, ma anche, e soprattutto, ascoltando i desideri e le passioni di questi ragazzi, tra cui il sogno di realizzare qualcosa di importante, di divertente, di condivisibile, tutti assieme.

Per questo motivo abbiamo pensato a trasporre il racconto a livello cinematografico, realizzando un cortometraggio che potrà usufruire della visibilità, dell’agilità e della versatilità di un film realizzato in dvd, prodotto per raggiungere un largo strato di pubblico e in grado di attraversare il Ticino, la Svizzera e, perché no, andare anche all’estero, gareggiando in festival e rassegne a tema.

Obiettivi: ‘Sophia’ è un progetto che andrà oltre le mura e gli orari scolastici, puntando ad amalgamare le componenti del gruppo classe, a rafforzare il legame con le proprie radici, e a realizzare un prodotto culturale qualitativamente riconosciuto e artisticamente riconoscibile anche al di fuori del territorio.

Gli allievi saranno coinvolti fattivamente non soltanto come attori e sceneggiatori: nelle varie fasi della produzione diventeranno operatori di ripresa, costumisti, fotografi, segretarie di produzione e truccatrici. Anche la Valle sarà chiamata a svolgere la propria parte, fornendo di volta in volta alcune professionalità locali a seconda delle esigenze di ‘copione’.

Infine, il film potrà avvalersi di una colonna sonora originale.

ANTEPRIMA

INFO

Tema: Fiction


Periodo: 2000-oggi


Data: 2012


Comune: Acquarossa


Introduzione

Film realizzato da: Scuola Media di Acquarossa.

Classe: 4C

Docente: Teresa La Scala

Fotografia: Antonio Universi

Musiche: Luca Auriemma

Regia e Montaggio: Stefano Simone

Interpreti: Barbara Vescovi, Dario Bernasconi, Fabrizio Boo, Silvano De Antoni, David Kaufmann, Matteo Boffa, Dave Hildebrand, Lina Echeverry, Jennifer Blotti, Eleonora Khamitov.

 

Breve biografia dell’autore del libro “Leggende del Ticino”

Giuseppe Zoppi, nato a Broglio, in Valle Maggia, nel 1896 e morto a Locarno nel 1952, fu poeta, narratore, saggista e docente. Dopo il conseguimento della laurea in lettere all’Università di Friburgo, si dà all’insegnamento delle lettere al Liceo di Lugano, alla Magistrale di Locarno, dove fu anche direttore e infine al Politecnico federale di Zurigo, dove, fino alla prematura scomparsa, è titolare della cattedra di letteratura italiana.

www.lanostrastoria.ch

 


Grado scolastico: Medie


Classe: 4


Post suggeriti
Contattaci

Hai suggerimenti, materiali, o vuoi semplicemente dire la tua! contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Testo +
Contrasto